Pubblicato il

Da domani mi metto a dieta

20160311_142803

E’ il periodo migliore per questi propositi. Ma diciamolo spesso è il periodo buono per questi propositi.

Quindi a seconda di quando abbiamo la decisione e non necessariamente nell’ordine descritto, iniziamo a:

◢ Non fare la colazione o almeno a ridurla.

◢ Evitare  gli spuntini (non si deve mangiare fuori pasto),
se siamo bravi al massimo ci concediamo un frutto.

◢ Stare leggeri a pranzo, al massimo poca pasta o pochissimo pane. (sicuramente no entrambi assieme)
forse un po di secondo e tanta, tanta verdura
ma con poco-niente olio
(la verdura fa bene si sa e forse inizia a montare la fame).

◢ Declinare gli inviti per aperitivi no, (si sa che non si può) al massimo una bibita analcolica o un succo
(preferibilmente all’ananas) se non addirittura acqua,
ma no gasata.

◢ Finalmente la cena!  Carne o mozzarella, no pane no pasta (alla sera si sa fanno ingrassare di più) e ancora tanta,
ma tanta verdura, assolutamente no vino, solo acqua e sempre no gasata.

◢ Dessert? Assolutamente no, un frutto al massimo.

Se tutto va bene alla cena del 4^ massimo 6^ giorno non riusciamo a resistere al dessert e ci concediamo un po di pane e magari un po di formaggio in più. Se nel contempo sfortunatamente ci siamo imbattuti in un compleanno o altri festeggiamenti imprevisti nella giornata, abbiamo dovuto combattere contro tentazioni di vario, tipo dolce o salato, ma comunque pericoloso. E se abbiamo ceduto e mangiato fuori orario o di più del previsto o di quello che ci eravamo ripromessi, al pasto successivo cerchiamo di ridurre il cibo. Ma non sempre ci riusciamo e le nostre giornate rischiano di diventare una lotta continua tra “non devo o non posso mangiare” e “ma si dai tanto oggi non ho pranzato”  oppure  “questa settimana sono stata\o bravo posso concedermelo”.
Mal che vada rinnoviamo il proposito dicendoci “da domani mi metto a dieta!”.

Spesso ci diciamo “se non fosse per i dolci!” oppure “è che sono golosa\o e non riesco a resistere!”.

Il problema è che iniziamo le nostre diete in modo spesso brusco e rapido, eliminando o riducendo eccessivamente gli alimenti che apportano carboidrati e/o saltiamo i pasti, e in questo modo non facciamo altro che “accumulare” fame alla quale prima o poi cederemo. Se tutto va bene, facciamo sacrifici senza ottenere risultati duraturi, ma rischiamo anche di innescare meccanismi che possono portare danni più seri, e non solo dal punto di vista fisico.

È importante seguire le Linee Guida per una Sana Alimentazione sempre, e seguire un programma personalizzato, adeguato alle proprie esigenze  e non affidarsi consigli generici o a diete fatte da amici, conoscenti, ecc. per quanto promettano risultati veloci e miracolosi.