Pubblicato il

Mangiare consapevolmente

locadina mindfulness

Mangiare, e non solo, consapevolmente fa la differenza.

Dieci incontri possono sembrare tanti, ma alla fine probabilmente scopriremo che erano pochi.

Le diete miracolose non esistono lo sappiamo ormai, come le facili soluzioni che pretendono di lavorare solo con la “mente”, usando tecniche più o meno efficaci.

Mente e corpo non sono divisi, collaborano sempre e l’uno non esclude l’altro.

L’importante è riconoscere l’importanza di affidarsi a professionisti in grado di rispondere ai singoli bisogni e personalizzare gli interventi.

Sono lieta di accogliere la professionalità della dott.ssa e psocologa Erica Cicuto
 per questa serie di incontri.

Pubblicato il

Cibo alimentazione e donna

Cibo alimentazione e donna

Si avvicina marzo e con questo mese è impossibile non parlare della donna. In un momento dove alle violenze fisiche si aggiungono le violenze dei giudizi severi e perentori sull’accettabilità del corpo creano una nazione di ragazze alte ingobbite, di donne basse sui trampoli, di donne formose vestite a lutto, di donne magrissime che cercano di gonfiarsi come rane e di varie altre donne che non abbandonano il proprio nascondiglio. Distruggere l’istintiva affiliazione di una donna con il suo corpo naturale la froda della fiducia e la induce a perseverare nel dubbio se è una brava persona o no, e a basare la stima di sé su come appare e non su quel che è.” (Clarissa Pinkola Estès -Donne che corrono coi lupi-) 
Mi piace riflettere sul ruolo fondamentale della donna nell’alimentazione, considerando che già durante la gestazione inizia a nutrire, donne e uomini in divenire.

Attraverso il cordone ombelicale prima, l’allattamento poi e man mano durante tutto il nostro percorso di crescita, insieme ai nutrienti riceviamo tutte le suggestioni, le informazioni, i comportamenti, le idee, le abitudini, le convinzioni, i tabù e molto altro ancora …

Potremo affermare che i Nutrienti del corpo e Nutrienti della mente sono tra loro inesorabilmente mescolati.

 

Ruolo che oggi aumenta in modo esponenziale la sua importanza e responsabilità considerando la molteplicità, la complessità e capillarità di informazioni, con le quali viene a contatto sin dalla più tenera età.

Il rischio di confusione, incertezze e insicurezze e anche di errori in piena buona fede è alto.
Complice è anche un fenomeno abbastanza recente dove nascono molte «tecniche» che pescando dalle varie discipline (medicina, nutrizione, psicologia, educazione, filosofia, nonché biologia e chimica) che vengono proposte come «il modo per risolvere…» che hanno sicuramente l’aspetto positivo di considerare l’insieme della salute psicofisica e non più separatamente psiche e corpo, ma portano con sè il pericolo di essere confuse come «cure al limite del miracoloso che guariscono tutto».

Credo si importante ricordare o riscoprire la nostra storia personale, nel nostro habitat specifico, per poter scegliere in modo consapevole il nostro cibo per la nostra alimentazione e nutrizione e cosa merita di essere tramandato e insegnato in modo consapevole.

Infondo è questo che rende «automatici» scelte e comportamenti (dal fare o no la prima colazione, mangiare frequentemente frutta e verdura, sedersi a tavola o pranzare di corsa, ecc.) che vanno a costruire le nostre abitudini alimentari.

Va da sé che modificare la nostra alimentazione è cosa da fare sempre in modo attento, e se le regole o i sani principi li conosciamo un po’ tutti, è molto personale il modo con il quale li mettiamo in pratica o li andiamo a riscoprire.

Pubblicato il

Buon natale e ricrdate che non si ingrassa da natale a capodanno, ma da capodanno a Natale

Buon natale e ricrdate che non si ingrassa da natale a capodanno, ma da capodanno a Natale

NON SI INGRASSA DA NATALE A CAPODANNO MA DA CAPODANNO A NATALE”

Anche per questo anno ci siamo il Natale si avvicina,
o noi ci avviciniamo al Natale?

Con le proposte per rendere allegro, caldo e magico questo periodo arrivano, puntuali anche tutti i consigli per non acquistare peso in questi fatidici giorni.

Impossibile non ricordare che “..non si ingrassa da Natale a Capodanno ma da Capodanno a Natale..”.

Qualche consiglio che fa leva sul buon senso piuttosto che su magiche ricette, per evitare che questi giorni diventino più faticosi del necessario.

◢ Evitate di digiunare o quasi prima dei pasti più impegnativi, rischiate di arrivarci solo con più fame. E’ preferibile mantenere una alimentazione regolare. 
Eventualmente saranno più leggeri i pasti successivi .

◢ Evitate di pianificare in anticipo cosa mangiare e cosa no e suddividere gli alimenti in “buoni” o “cattivi”,  in base all’ipotetico potere “ingrassante”.
Sicuramente in questo periodo si consumano alimenti e pietanze più ricche del solito, ma le porzioni di questi normalmente sono più ridotte del solito, se così non fosse le possiamo ridurre noi. Sedersi a tavola con un giusto appetito e non “affamati” perchè reduci da digiuni o diete ristrette permette più facilmente di degustare nelle giuste quantità. Inoltre, classificando prima i cibi tra quelli che “si può” e quelli che” non si può”,  più facilmente si cade nel tranello dello sgarro” .  Cioè nel pensiero: “ormai ho che ho trasgredito tanto vale continuare”. Niente di più sbagliato e inutile.

Se siete stati eletti cuochi ufficiali, provate a organizzarvi seguendo alcuni principi di base.

◢ Stilate un menù che preveda un solo piatto per ogni portata con al massimo due varianti se tra i commensali ci sono esigenze particolari
(ad esempio 1 antipasto, 1 primo, 2 secondi, ecc. 

◢ Fate una lista della spesa. considerando le quantità  giuste e non acquistare sempre e comunque un po’ di più’ perche’ “non si sa mai”
e sopratutto portatela con voi al supermercato e non dimenticatela a casa.

◢ Andate al supermercato con la “pancia piena”. La fame fa brutti scherzi, eviterete sicuramente di acquistare di più sia in quantità che in qualità.

◢ Leggete le etichette di quello che acquistate: scadenza, provenienza, ingredienti.

◢ Mantenete l’attenzione all’atmosfera che desiderate creare nei vostri pasti, alla famiglia e/o gli amici, piuttosto che alle calorie che state mangiando.

◢ Se possibile coinvolgete qualcun altro sia per gli acquisti che per la preparazione, la condivisione rende tutto più semplice.
Sara’ anche più semplice, dividere l’eventuale cibo in più così da evitare di conservarne troppo in casa.

◢ Infine ricordate che se già normalmente non ci sono alimenti vietati, tanto meno ci devono essere nei periodi festivi (ovviamente a meno che non ci siano patologie particolari),
un po di spumante o un po di dolce in non sono cosi’ pericolosi.

 

Il buon senso e la misura rimangono sempre le migliori strategie.

BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO