Pubblicato il

La dieta che funziona diffidiamo delle soluzioni veloci e miracolose

Funziona per cosa? Ovvio per perdere peso mi risponderete.

Quindi diamo quasi per  scontato che chi cerca una dieta la cerca per perdere peso, anche quando non

sarebbe auspicabile.

Nella barra di Google basta scrivere “perd”  e non serve nemmeno completare la parola “perdere”  che subito compare la ricerca “perdere peso” prima di “perdere l’amore”!!!!  E questo non fa un po’ riflettere?

Ma davvero abbiamo così tanto bisogno di perdere peso?

Da un punto di vista medico un BMI  o IMC  superiore a 25 indica sovrappeso, condizione che implica una maggiore PROBABILITA’  di insorgenza di patologie (diabete di tipo II, arteriosclerosi,iperertensione, ecc.).

Sicuramente assume un diverso significato a seconda

◢ dell’entità del sovrappeso stesso maggiore è il BMI e maggiore è la probabilità che insorgano le patologie correlate, spesso inoltre queste regrediscono con una adeguata alimentazione

◢ dell’età, minore è l’età e maggiore è la probabilità che diventi un adulto con problemi di peso.

Non voglio banalizzare l’importanza di un adeguato peso corporeo sia come prevenzione che per il benessere psicofisico, ma facciamo attenzione a cosa decidiamo di fare  pur di perdere peso e magari velocemente e a chi e ci affidiamo.

La dieta che ha “funzionato” per l’amica non è detto che funzioni anche per noi.

Ma poi cosa si intende per “funziona”?  Spesso mi sono sentita dire: “ho fatto una dieta tempo fa e aveva funzionato davvero, avevo perso 5, 8, anche 10 kg. Ma poi non l’ho seguita più e li ho recuperati.”
Già, è facile perdere peso tutto sommato, diminuisco quello che mangio, non uso più l’olio, elimino la carne salto i pasti, bevo molta acqua, se sento fame o mi riempio di verdura, o mangio la verdura prima dei pasti o  mangio carboidrati a pranzo e proteine alla cena oppure non mangio mai carboidrati dopo le 17 (mai pensato che forse il problema non è l’ora in cui si mangiano ma il fatto che in questo modo si mangia comunque di meno!), o elimino completamente pane e pasta (il più gettonato) o bevo un bicchiere d’acqua alla mattina con limone o con aceto, qualcuno aggiunge meglio se calda.
Di questi consigli sono pieni molti siti e blog, alcuni rischiano di essere puniti per istigazione a comportamenti anoressici  – «Art. 580-bis. – (Istigazione a pratiche alimentari idonee a provocare l’anoressia, la bulimia o altri disturbi del comportamento alimentare). http://www.psychiatryonline.it/node/5127) –

Alcuni di questi consigli sono validi per alcuni motivi specifici, non sempre legati al peso, altri sono innocui nel senso che male non fanno, altri invece sono potenzialmente pericolosi per la salute. (Di questo ne riparleremo prossimamente)

Ma ritornando alla dieta che funziona, il problema non è perderlo ma evitare di recuperarlo dopo il peso.
Proprio le diete drastiche e veloci, la perdita di peso veloce sono tra le prime cause del recupero ponderale dopo, nel migliore dei casi, nel peggiore all’instaurarsi dell’effetto yo-yo, oscillazioni consistenti e continue del peso corporeo con conseguenze per la salute a volte serie e importanti e non meno importante sono spesso concausa dell’instaurarsi di un Disturbo Alimentare.

Diffidiamo quindi delle soluzioni veloci e miracolose indipendentemente da chi e come ci vengono proposte.

Ma soprattutto riflettiamo un momento se davvero abbiamo bisogno di perdere peso, quanto è importante per il nostro benessere psicofisico e se lo decidiamo, facciamolo con  attenzione  e amore per noi e il nostro corpo.

IN SINTESI: La dieta che funziona diffidiamo delle soluzioni veloci e miracolose. Dieta, Diete miracolose, Disturbi del Comportamento Alimentare, Misurare il peso, Monitoraggio del peso, Peso corporeo, Perdere peso.

Pubblicato il

Andamento ponderale

Il peso corporeo di tutti gli esseri viventi subisce continue variazioni.

Le motivazioni sono di natura fisiologica quali, l’età, la crescita della statura, lo stato di gravidanza, il ciclo ormonale nella donna, ecc. Oppure possono essere provocate da variazione dell’equilibrio energetico.

E’ bene ricordare che le variazioni ponderali sono sempre legata ad una variazione delle “Entrate” o delle “Uscite” energetiche o in altri termini al bilancio energetico.

Non è possibile aumentare o diminuire di peso a causa della “tensione nervosa” ma semmai a causa della variazione del consumo di cibo provocata dalla tensione nervosa.

Un adeguato monitoraggio del peso, deve essere fatto seguendo alcuni principi di base, non può essere fatto in modo casuale:

◢ usare sempre la stessa bilancia

misurare il peso sempre nelle stesse condizioni (ad esempio al mattino, senza vestiti, prima della colazione)

◢ al massimo una volta alla settimana, anche ogni 15 giorni va bene. Misurazioni più frequenti non sono attendibili e significative di un reale aumento o perdita del peso.

Va ricordato inoltre che il reale andamento può essere letto solo a posteriori.