Pubblicato il

Mangiare consapevolmente

locadina mindfulness

Mangiare, e non solo, consapevolmente fa la differenza.

Dieci incontri possono sembrare tanti, ma alla fine probabilmente scopriremo che erano pochi.

Le diete miracolose non esistono lo sappiamo ormai, come le facili soluzioni che pretendono di lavorare solo con la “mente”, usando tecniche più o meno efficaci.

Mente e corpo non sono divisi, collaborano sempre e l’uno non esclude l’altro.

L’importante è riconoscere l’importanza di affidarsi a professionisti in grado di rispondere ai singoli bisogni e personalizzare gli interventi.

Sono lieta di accogliere la professionalità della dott.ssa e psocologa Erica Cicuto
 per questa serie di incontri.

Pubblicato il

La Chirurgia Bariatrica risolve il problema del Peso eccessivo?

Nella mia esperienza molte persone pensano alla chirurgia bariatrica come un modo per risolvere quasi magicamente tutti i problemi relativi al peso. E’ vero che nelle obesità gravi (per intenderci  con un IMC o BMI di o superiore 40 o di 35 se in presenza di comorbilità), spesso le diete non hanno funzionato e ormai le persone sono troppo stanche e sofferenti per iniziarne altre.

E’ importante però sapere che gli interventi di chirurgia bariatrica, indipendentemente dal tipo (esistono diverse tecniche più o meno invasive  e definitive, dal Palloncino o Bendaggio Gastrico al By Pass bilio intestinale o la SLEEVE), nel web si trovano facilmente delle informazioni ad esempio: www.sicob.org www.ifso.com (International Federation for the Surgey of Obesità), per dare buoni risultati vanno affrontati con estrema preparazione e attenzione.

Di norma il percorso prevede più incontri con una equipe multidisciplinare (medico internista, cardiologo, endocrinologo, psichiatra e psicologo, dietista e dietista, chirurgo bariatrico), sia per valutare l’idoneità all’intervento o meno, sia per seguire il paziente nel percorso post intervento.

Prima e dopo l’intervento le vostre abitudini alimentari e lo stile di vita dovranno subire dei cambiamenti.

In particolare per quanto riguarda l’alimentazione prima dell’intervento:

◢ Non dovranno essere  presenti  perdite di controllo sia in termini di “abbuffate” che in termine di “piluccamento continuo” del cibo

◢ Dovrà essere attuata l’alimentazione frazionata (prevedere almeno 3 pasti principali e 2 spuntini nella giornata e non solo)

◢ Mantenere il monitoraggio dell’andamento ponderale

Dopo l’intervento dovrà essere seguito un protocollo alimentare che potrà differire leggermente a seconda del tipo di intervento subito. Tale protocollo prevede che nei primissimi giorni venga seguita una dieta liquida. Poi a seconda dei casi la tipologia dei pasti, per consistenza e quantità, diventerà sempre più simile ad una alimentazione normale. Alcune norme andranno sempre seguite per evitare le conseguenze caratteristiche e frequenti quali: carenza di vitamina B 12, nausea e vomito, diarrea o stipsi e altri.

In tutti i casi è importante un monitoraggio periodico dei valori nutrizionali in particolare di Vitamine e Sali Minerali e altri nutrienti.

I diversi tipi di intervento di chirurgia bariatrica non garantiscono di per se una perdita di peso significativa e mantenuta nel tempo se non vengono seguite le indicazioni dietetiche e i consigli nutrizionali necessari.

Vanno intesi come un importante supporto e facilitatore nel percorso di perdita ponderale che comunque va fatto dalla singola persona. Per questo è importante affidarsi a centri e strutture che prevedono gruppi di sostegno e la figura del dietista presente sia prima che dopo l’intervento stesso. 

In sintesi: LA CHIRURGIA BARIATRICA. RISOLVE IL PROBLEMA DEL PESO ECCESSIVO?

Pubblicato il

La dieta che funziona diffidiamo delle soluzioni veloci e miracolose

Funziona per cosa? Ovvio per perdere peso mi risponderete.

Quindi diamo quasi per  scontato che chi cerca una dieta la cerca per perdere peso, anche quando non

sarebbe auspicabile.

Nella barra di Google basta scrivere “perd”  e non serve nemmeno completare la parola “perdere”  che subito compare la ricerca “perdere peso” prima di “perdere l’amore”!!!!  E questo non fa un po’ riflettere?

Ma davvero abbiamo così tanto bisogno di perdere peso?

Da un punto di vista medico un BMI  o IMC  superiore a 25 indica sovrappeso, condizione che implica una maggiore PROBABILITA’  di insorgenza di patologie (diabete di tipo II, arteriosclerosi,iperertensione, ecc.).

Sicuramente assume un diverso significato a seconda

◢ dell’entità del sovrappeso stesso maggiore è il BMI e maggiore è la probabilità che insorgano le patologie correlate, spesso inoltre queste regrediscono con una adeguata alimentazione

◢ dell’età, minore è l’età e maggiore è la probabilità che diventi un adulto con problemi di peso.

Non voglio banalizzare l’importanza di un adeguato peso corporeo sia come prevenzione che per il benessere psicofisico, ma facciamo attenzione a cosa decidiamo di fare  pur di perdere peso e magari velocemente e a chi e ci affidiamo.

La dieta che ha “funzionato” per l’amica non è detto che funzioni anche per noi.

Ma poi cosa si intende per “funziona”?  Spesso mi sono sentita dire: “ho fatto una dieta tempo fa e aveva funzionato davvero, avevo perso 5, 8, anche 10 kg. Ma poi non l’ho seguita più e li ho recuperati.”
Già, è facile perdere peso tutto sommato, diminuisco quello che mangio, non uso più l’olio, elimino la carne salto i pasti, bevo molta acqua, se sento fame o mi riempio di verdura, o mangio la verdura prima dei pasti o  mangio carboidrati a pranzo e proteine alla cena oppure non mangio mai carboidrati dopo le 17 (mai pensato che forse il problema non è l’ora in cui si mangiano ma il fatto che in questo modo si mangia comunque di meno!), o elimino completamente pane e pasta (il più gettonato) o bevo un bicchiere d’acqua alla mattina con limone o con aceto, qualcuno aggiunge meglio se calda.
Di questi consigli sono pieni molti siti e blog, alcuni rischiano di essere puniti per istigazione a comportamenti anoressici  – «Art. 580-bis. – (Istigazione a pratiche alimentari idonee a provocare l’anoressia, la bulimia o altri disturbi del comportamento alimentare). http://www.psychiatryonline.it/node/5127) –

Alcuni di questi consigli sono validi per alcuni motivi specifici, non sempre legati al peso, altri sono innocui nel senso che male non fanno, altri invece sono potenzialmente pericolosi per la salute. (Di questo ne riparleremo prossimamente)

Ma ritornando alla dieta che funziona, il problema non è perderlo ma evitare di recuperarlo dopo il peso.
Proprio le diete drastiche e veloci, la perdita di peso veloce sono tra le prime cause del recupero ponderale dopo, nel migliore dei casi, nel peggiore all’instaurarsi dell’effetto yo-yo, oscillazioni consistenti e continue del peso corporeo con conseguenze per la salute a volte serie e importanti e non meno importante sono spesso concausa dell’instaurarsi di un Disturbo Alimentare.

Diffidiamo quindi delle soluzioni veloci e miracolose indipendentemente da chi e come ci vengono proposte.

Ma soprattutto riflettiamo un momento se davvero abbiamo bisogno di perdere peso, quanto è importante per il nostro benessere psicofisico e se lo decidiamo, facciamolo con  attenzione  e amore per noi e il nostro corpo.

IN SINTESI: La dieta che funziona diffidiamo delle soluzioni veloci e miracolose. Dieta, Diete miracolose, Disturbi del Comportamento Alimentare, Misurare il peso, Monitoraggio del peso, Peso corporeo, Perdere peso.

Pubblicato il

Peso corporeo

Un tempo si parlava di peso ideale e veniva calcolato in base all’altezza, alla “corporatura”  e al sesso della persona.

Spesso semplicemente si usava il metodo:
altezza – peso corporeo = peso ideale.

Da tempo ormai si utilizza il BMI ( Body Mass Index) o
IMC ( Indice di Massa Corporea).

Si ottiene dalla formula matematica:

IMC = massa corporea (Kg) / statura (m2)

Secondo l’ Organizzazone Mondiale della Sanità i livelli di peso possono essere suddivisi nelle seguenti categorie:

IMC inferiore a 18,5 = sottopeso
IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso
IMC compreso tra 24,9 e 29,9 = sovrappeso
IMC superiore a 29,9 = obesità

Questo metodo è valido solo per gli adulti.
Per i bambini e adolescenti vanno utilizzati i percentili

In sintesi: peso corporeo

Pubblicato il

Andamento ponderale

Il peso corporeo di tutti gli esseri viventi subisce continue variazioni.

Le motivazioni sono di natura fisiologica quali, l’età, la crescita della statura, lo stato di gravidanza, il ciclo ormonale nella donna, ecc. Oppure possono essere provocate da variazione dell’equilibrio energetico.

E’ bene ricordare che le variazioni ponderali sono sempre legata ad una variazione delle “Entrate” o delle “Uscite” energetiche o in altri termini al bilancio energetico.

Non è possibile aumentare o diminuire di peso a causa della “tensione nervosa” ma semmai a causa della variazione del consumo di cibo provocata dalla tensione nervosa.

Un adeguato monitoraggio del peso, deve essere fatto seguendo alcuni principi di base, non può essere fatto in modo casuale:

◢ usare sempre la stessa bilancia

misurare il peso sempre nelle stesse condizioni (ad esempio al mattino, senza vestiti, prima della colazione)

◢ al massimo una volta alla settimana, anche ogni 15 giorni va bene. Misurazioni più frequenti non sono attendibili e significative di un reale aumento o perdita del peso.

Va ricordato inoltre che il reale andamento può essere letto solo a posteriori.